Riqualificare si può

by Ivan 7 luglio 2011 12.21

È una grande soddisfazione quando leggo in giro di interventi di ristrutturazione e riqualifica delle bellezze della nostra Italia. Soprattutto quando riescono ad integrare arte, storia, ambiente e innovazione.
È il caso del Progetto Nuova Darsena che da qualche anno l’amministrazione ravennate sta portando avanti nell’area del canale Candiano, che parte dal porto di Marina di Ravenna sull’Adriatico e penetra nell’entroterra, a ridosso del centro storico.

Proprio in queste settimane, nella cornice del Ravenna Festival (dal 7 giugno al 9 luglio), è stato presentata la proposta dell’architetto veneziano Piero Giovannini dello studio Hyd, che include camminamenti in legno con lunghe file di palme, un ponte che si apre a raso, un nuovo albergo con ormeggi al coperto per le barche, un'ampia terrazza-bar, un piccolo teatro all'aria aperta, una piazza d'acqua con fontane che si aprono dal basso, un nuovo centro direzionale e un centro di assistenza per yacht in restyling.
Staremo a vedere quale sarà il risultato!!

 

Ma non dimentichiamo che la riqualifica della darsena è iniziata nel 2008, con l’architettura innovativa, tecnologica e all’avanguardia dello studio Cino Zucchi Architetti.
A forma di torre alta 40 metri, con 72 alloggi di edilizia residenziale pubblica, 12 in edilizia libera e 7.400 metri quadrati di superficie utile complessiva.
Un accostamento ragionato, che si rapporta con il paesaggio (l’apertura verso la passeggiata e il mare, il parco interno) e con l’evoluzione del modo di abitare, ma anche con rispetto per l’ambiente. 

          

Grande attenzione è stata messa infatti nella riduzione dei consumi e nell’auto produzione di energia (una parte significativa del fabbisogno energetico è fornita da pannelli solari posti sulle terrazze sul tetto dei due edifici) mentre l’isolamento finito da uno strato di intonaco su rete fornisce valori molto bassi di trasmittanza termica, risparmio energetico e la creazione di un elevato comfort ambientale per le abitazioni.

Tutti i materiali sono biodegradabili o facilmente smaltiti: pietra per i davanzali delle finestre, il legno cicuta per le cornici delle finestre, l'intonaco naturale per la maggior parte delle superfici esterne.
E ovviamente non manca il richiamo ai mosaici ravennati!

Amo questi progetti ecosostenibili!
Date un’occhiata anche a questo.

Seguici

Archivio

Calendario

<<  novembre 2014  >>
lumamegivesado
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
1234567

Tag cloud