Moda milanese di inizio autunno

by Claudia 10 ottobre 2011 12.18

Girando per Milano prima e dopo la sfilata (da imbucata, ricordo), mi sono goduta una giornata di sole in giro per Milano. Mi è così capitato di imbattermi nei look di inizio autunno milanese, con vari accenni alle tendenze della nuova stagione. Ecco allora un paio di appunti, giusto per gradire.

- A costo di sembrare scampati a un nubifragio o reduci da un grosso problema alle tubature in casa, è il momento di piegare il fondo dei vostri pantaloni. Sia chiaro, non di quelli a zampa di elefante, che poi rischiate di incastrarvi o di appendervi da qualche parte, ma solo di quelli skinny.
La parola d'ordine pare: voglio vederti il calzino. Quindi mi raccomando, date un occhio anche a quello prima di uscire e (un appunto per le donne), controllate anche il polpaccio. A quanto pare vedremo diversi pantaloni a lunghezza "acqua in casa", d'obbligo quindi un polpaccio snello e depilato. Non mi fate dire altro.

Io continuo a non capire perché agli uomini eliminino un paio di cm per fare il risvolto mentre per la donna invece quei due cm siano la sola cosa con cui si è coperta il sedere quest'estate, grazie agli shorts. Un mistero, eh??

- Sotto il risvolto, via alla scarpa colorata. Continua la moda del mocassino, per uomo ma anche per donna. Onestamente ho qualche difficoltà a pronunciarmi sull'argomento. Facciamo che i piedi sono vostri e potete "mocassinare" quanto vi pare. È il momento giusto.

- Uomini, compratevi una borsa, un borsellino, una valigetta, una tracolla. Insomma, qualunque cosa (al momento mi sento di escludere solo il marsupio) da infilarvi su una spalla o da tenere in mano per darvi un contegno.
Saranno contente le vostre morose/fidanzate/mogli/amanti/sorelle/mamme che da anni si slogano la spalla portando maxi bag in cui infilano ogni genere di prodotto di prima, seconda e anche terza necessità (non si sa mai) e poi finiscono a dover cercare un angolo per il vostro portafoglio o le chiavi della macchina. E tu trovale lì in mezzo.

Invece così anche gli ometti avranno un comodo contenitore per fazzoletti, ombrello, portafoglio, portachiavi, occhiali da sole. E poi dimenticheranno tutto a casa, come al solito.
E per ora è tutto, credo oggi finirò a girare per casa con il pigiama: a volte la comodità è la cosa più fashion che si possa desiderare!

Vi racconto una favola

by Claudia 5 settembre 2011 14.52

C'era una volta un'azienda di biancheria intima che un bel giorno decise di festeggiare i suoi dieci anni di produzione lanciando un concorso molto particolare e coinvolgendo una notissima-amatissima-odiatissima blogger. Sì quella. L'insalata bionda. La super blogger milanese, la più richiesta del momento.

Ora tu, piccola fashionist assatanata, cosa devi fare per vincere un weekend romano insieme a lei (sì, lei. No non è uno scherzo. No non svenire) a base di spa, shopping sfrenato, hotel lussuoso, sedute di makeup e cena di gala?
Per partecipare al concorso devi mostrare non tanto il tuo aspetto fisico quanto la tua personalità, dicono. In realtà ti chiedono di scegliere un colore, un cibo e di scrivere un desiderio e qualcosa su di te, oltre ovviamente ad aggiungere una foto. Forse è un po’ poco per premiare una “personalità”, ma almeno diamo atto che ci hanno provato!
Una volta creato un profilo, sarete in lizza per vincere la corona di regina, simbolo del brand aziendale, non a caso la campagna si chiama “You are the Queen”.

La notizia esce pochi giorni fa e già sul web impazzano le reazioni:

  • chi svolazza a tre metri sopra il cielo ed è già all'opera con l'autoscatto e il cv fashion per tentare il colpaccio;
  • chi piange disperata perché è bruttarella, non sa accostare i colori e vorrebbe vestirsi in tuta tutti i giorni, ma mica può scriverlo lì sopra. (No, mettetetela via, non avete speranze);
  • chi ha rinvigorito l'odio per la bionderrima blogger e si è decisa a passare in rassegna tutti i post sulla Rete in cui si parla della faccenda. Scopo: parlare male di lei, del brand, della collaborazione e pure della vicina di casa che sposta i mobili alle tre di notte;
  • chi guarda tutto dal monitor e sghignazza non poco, perché quando le dita delle fashionist si muovono veloci sulla tastiera per elogiare o insultare i trend del momento, beh. Di solito è un vero spettacolo.


Ora, avrei un paio di domande per voi. Intanto.

  • Che ne pensate della faccenda?
  • I testimonial scelti influenzano i vostri acquisti o ve ne fregate spassionatamente?
  • Come vi pare che stia reagendo l'azienda all'ondata di critiche? L'insalata bionda piace a tante clienti, ma molte non la sopportano. E protestano.


E soprattutto.
Siamo all'ennesimo capitolo de "che se ne parli bene o male, l'importante è che se ne parli"?

Poi in caso vi faccio sapere che ne penso io...

Seguici

Archivio

Calendario

<<  agosto 2014  >>
lumamegivesado
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567

Tag cloud